Cos’è il Mantello?


Il Mantello è un luogo in cui persone e/o famiglie in difficoltà socio-economica possono, per 12 mesi (rinnovabili al massimo fino ai 18 mesi) ricevere un aiuto per raggiungere piccoli obiettivi di miglioramento, rispetto alla situazione personale/familiare che stanno vivendo. I beneficiari possono svolgere dei colloqui di accompagnamento, essere indirizzati gratuitamente a: corsi di formazione, percorsi di orientamento al lavoro (obbligatori per chi è disoccupato), attività culturali e sportive, consulenza legale, sostegno psicologico e servizi socio-sanitari. L’accesso all’emporio solidale prevede inoltre la distribuzione di beni alimentari e di prima necessità attraverso un piccolo market.

 

  • A chi si rivolge.

Il Mantello si rivolge a persone che rischiano di scivolare da una situazione di impoverimento ad una di povertà ed esclusione sociale: persone che a causa della perdita del lavoro, pur avendo le competenze e le capacità di essere autonome, hanno visto svanire le loro certezze e si trovano oggi in una condizione grave di vulnerabilità, anche emotiva e psicologica. Stiamo parlando dei cosiddetti nuovi poveri a volte chiamati “gli invisibili”, proprio perché non facilmente intercettati dai Servizi e dal volontariato storicamente impegnato nel contrasto alle povertà.

 

  • Come funziona.

Le persone/nuclei familiari ammessi verranno dotati di una tessera a punti calcolata in base alla complessità familiare. La tessera si ricarica mensilmente e permette l’accesso al market e ai servizi connessi per un periodo di 6 mesi. E’rinnovabile per altri 6 – 12 mesi in base alla persistenza o meno della condizione di difficoltà e alla «generatività» del percorso. Un patto di co-responsabilità tra la persona e «Il Mantello» impegna entrambi in un percorso che non vuole essere solo assistenziale, ma capace di condividere e monitorare reciprocamente obiettivi e risultati di percorso.

 

  • Come Accedere

A fine estate 2017 è uscito un bando rivolto a residenti e regolarmente soggiornanti nel Comune di Ferrara, Masi Torello, Voghiera. La commissione di valutazione, in stretta sinergia con i servizi sociali e le associazioni impegnate nel contrasto alla povertà assoluta, ha ammesso 64 nuclei familiari. Il bando 2018 è stato aperto dal 2 luglio al 10 settembre 2018 - e ha ammesse ulteriori 96 nuclei.

 

  • Chi siamo

A partire dal 2013 Agire Sociale, nell’ambito della progettazione sociale denominata “Beni di prima necessità”, finanziata dal Comitato di Gestione Fondo Speciale del Volontariato dell’Emilia Romagna e su proposta di alcune Associazioni in città già impegnate nella distribuzione dei beni alimentari, ha stimolato una riflessione in merito, che via via si è sviluppata in un gruppo di lavoro, poi esteso alle Istituzioni.
Come nasce il progetto?