Chi siamo

I soggetti promotori hanno visitato gli Empori già attivi a Parma, PratoModena per acquisire una conoscenza diretta del funzionamento di progetti simili già avviati in quei territori e anche dei percorsi e le criticità riscontrati altrove, ognuno per la sua specificità. n seguito ad accurata riflessione, il gruppo di lavoro rappresentato da volontari di molte delle Associazioni storicamente impegnate in città nel contrasto alle povertà, coordinati da Agire Sociale, ha valutato che il modello di Emporio ferrarese non voleva essere sostitutivo a quello agito in città da Associazioni e Caritas parrocchiali ma integrativo, dal momento che il target di beneficiari individuato non è quello di persone in condizione di povertà estrema, ma di impoverimento.  Persone quindi che, solo in minima parte, si sono rivolte finora ad Associazioni o Servizi. Per l’importanza che in un progetto di tale portata e valenza ci fosse anche il Pubblico, il progetto dell’Emporio ha incontrato un analogo impegno assunto dall’Amministrazione Comunale.  Sono così stati intrapresi periodici e continuativi momenti di lavoro e riflessione fra operatori dell’ASP, del Comune di Ferrara ed Agire Sociale i cui rappresentanti compongono la cabina di regia del progetto Emporio Solidale.

  • La metodologia di intervento: il lavoro di comunità.

Rispondere ai bisogni delle persone che stanno scivolando in una condizione di   impoverimento richiede di individuare e mettere in sinergia una molteplicità di risorse formali ed informali, provenienti anche da mondi c-he non sono abituati a dialogare, fino a comprendere “risorse di prossimità” e di cittadinanza attiva. Il Mantello si propone di facilitare l’attivazione di risorse comunitarie capaci di promuovere una migliore qualità della vita, prevenire situazioni di aggravamento e scivolamento in condizioni di povertà più grave, ma anche di affiancare i servizi attraverso la messa in campo di un modello integrativo rispetto all’esistente. In tale contesto di crisi e di tagli al sociale, un approccio trasversale capace di rafforzare i processi sociali di sollievo alla persona, nell’intento di massimizzare l’efficacia e ottimizzare l’efficienza risulta strategico e prioritario.

 

  • Il sistema di governo: la cabina di Regia.

La cabina di regia è lo strumento adottato per facilitare un’adeguata politica integrata e il lavoro di comunità. E’ una commissione mista costituita da Agire Sociale, ASP Azienda Servizi alla Persona Ferrara e Comune di Ferrara con il compito di definire le politiche e le strategie dell’Emporio solidale e verificarne l’attuazione, individuando le azioni necessarie al raggiungimento degli obiettivi. Monitora gli step di percorso, compresi i risultati raggiunti e gli impatti sulla comunità. All’interno della cabina di regia, Agire Sociale è stata individuata come organizzazione capace di attuare operativamente le politiche e le strategie individuate.

 

  • Agire Sociale: coordinatore tecnico-operativo.

Agire Sociale, ente che gestisce il Centro Servizi Volontariato (CSV) della provincia di Ferrara è un’organizzazione di volontariato di secondo livello, costituita da 113 Associazioni di Volontariato del territorio ferrarese (dato aprile 2015). E’ uno dei 74 CSV italiani in conformità con la Legge quadro sul volontariato n. 266/1991, con lo scopo di sostenere e qualificare l’attività delle Associazioni di Volontariato e promuovere la cultura della solidarietà. L’esperienza di Agire Sociale è stata caratterizzata fin dal 1997, da una grande attenzione per la metodologia del lavoro di rete applicato ai contesti di comunità, la formazione del volontariato e il sostegno della progettazione sociale promossa da Associazioni di Volontariato della provincia, in stretta collaborazione con Terzo Settore, Agenzie formative del territorio (Istituti Comprensivi, Università), Istituzioni (Comuni, ASP, AUSL). Circa 200 i progetti in ambito sociale sostenuti e coordinati negli ultimi 10 anni, con un forte radicamento territoriale ed impatto sociale. Nell’ambito del progetto Il Mantello, Agire Sociale si propone come soggetto capace di facilitare il coordinamento operativo e la collaborazione fra tutti i soggetti in campo, nonché come organismo giuridicamente adatto alla gestione amministrativa dei fondi necessari all’avvio e al mantenimento dell’Emporio, provenienti da molteplici azioni di fundraising.

Condividi su:Share on FacebookEmail this to someoneTweet about this on TwitterShare on Google+